真理之年?(中國特色的真理?)

終於,「中國教會專家」的「教父」韓德力神父(Jeroom Heyndrickx)走出來了。他文章的題目竟是「2018年會是真理之年嗎?」【他指的當然是那「即將」(?)簽署的中梵協議】。

我可以不理會(現在)有名氣的郗仕(Francesco Sisci)所寫的〈破壞信任〉一文。我可以頂住誘惑,不回應(教會歷史專家?)利偉豪神父(Michael Kelly)寫〈陳樞機完全錯誤〉的文章。但我怎能不理會韓德力神父,或放棄對他那「令人感動」的講道作出回應呢?

其實我現在覺得我早該,至少簡單地,回應郗仕和利偉豪神父。因為我這樣做,我也可以順便,回應韓德力神父文章裡的一些要點。

——————————————————————–

我認識郗士。我們很多年前碰過幾次面。他生命中的強項在於他取得了一位女孩的芳心,這個女孩恰好是一位中國將軍的女兒。這使得他能夠暢行在北京的權力走廊。但這並未使他成為真正的中國問題專家,更不是教會事務的專家。

至於他與某位斯特拉齊亞里(Strazzari)合寫的文章的重心(陳樞機破壞了信任),我承認違反了保密的規矩,但我這樣做是因為教宗的合作者以其名義正在做一些邪惡(錯誤?)之事(他們打算悄悄地做他們的骯髒事,讓我們吞下既成的事實)。我一定要避免教宗要為他們承擔責任。

是的,我相信教廷並不就等於教宗。直至我看到那份邪惡協議簽署之前,我拒絕相信這能是事實。

——————————————————————–

這也就是我回應韓德力神父的第一點。他呼籲大家「團結在教宗身旁,如果……」他有重複那是有一個「如果」。他承認「我們不知道教宗是否會……」。他只是在預言。所以我仍然可以挑戰他。只有在那不幸的簽署發生了的情況下(傳言將在3月23日或27日),我才會承認我的勸諫失敗,默默退出,並離開講道台,把它留給韓神父高唱他的凱旋曲。

——————————————————————–

利偉豪神父把主教任命權,追溯到基督徒君主擁有委任主教決定權的時代。但幸好那已是……「歷史」。

他還提到梵蒂岡曾向納粹黨、法西斯政權和東歐共產集團妥協。但今天,沒有人會對此感到自豪吧?(是有信仰堅定的人民阻止了教會徹底崩潰!)

[去年夏天,我花了三個星期到匈牙利、斯洛伐克和捷克共和國三地教會進行了研習之旅。]

現在,我們在中國面臨的「歷史」現實是:一個「小羊群」(pusillus grex)被巨大的無神論勢力迫害。從1949年到今天,在中國教會發生的事情,在「歷史上」沒有先例。

以前說的選擇是「投降或殉道」(那時並沒有我推人去殉道),而現在的選擇是「(在梵蒂岡的鼓勵下)投降,或回到地下墓穴」。

但為什麼要投降?難道梵蒂岡看不到地下教會團體,例如在河北和福建,仍有許多教堂?難道梵蒂岡不知道在像上海那樣的城市裡,很多神父每個主日在私宅裡為他們的信徒舉行彌撒?在「籠外的鳥兒」仍然有某程度的自由。不過現在事情正在改變。梵蒂岡來幫助政府推所有人進入籠子了。這絕對是新鮮事!這是在創造「歷史」!

——————————————————————–

這是我對韓神父的第二個回應。他表示,協議的簽署將是一個祝福,因為它可以讓中國的天主教徒「在同一個團體中公開地慶祝他們的信仰」。「2018年將是真理之年。」

什麼真理?中國特色的真理?(我希望韓神父閱讀一下已故金魯賢主教有關真理的牧函。真理在現今中國並不存在,也沒有很高的評價。從食物到藥品,所有東西都造假。你不必說實話,只要說老闆喜歡聽的話就夠了。)

「在一個團體中公開地慶祝他們的信仰」?多麼美妙啊!但是,在哪裡慶祝?在愛國會登記的教堂裡,在監控攝像機的監視之下,聽神父宣講主席 —— 皇帝的最新指示?!還有其他可能性嗎?這肯定不像世界任何一個天主教會裡的正常崇拜!

韓德力神父從中國人那裡學到很多東西,中國人很會玩弄語言偽術。美麗的言詞:「在一個團體中公開地慶祝他們的信仰」和「恢復在中國的教會的合一和正常化」。多麼動聽,多麼「不尋常」,多麼悲慘的謊言!現實是:有人在教宗的權威下,堅守信仰,多年來忍受各種歧視和騷擾,現在卻被梵蒂岡逼進同一個「監牢」裡;那裡由穿著天主僕人衣飾的政府官員領導他們齊聲呼喊:「中國萬歲,中國天主教萬歲」[當你說出「中國天主教」之時,你可能沒有注意到這裡的矛盾 — 但如果你說「中國公教」你就會看到:獨立的中國教會不再是公教會了!]

——————————————————————–

韓神父將這個「奇蹟」的功勞歸於「教宗方濟各的勇敢舉措」【顯然,教宗本篤(對抗主義者?)不是「他的」教宗】。韓神父太謙虛了。為這次「大成功」他才是值得領獎的人。他在教宗本篤2007年的信函發表後不久開始播種,加上教廷的同謀,現在他正在收割過去十年的成果。

他斷章取義地提到「秘密狀態並非屬於教會生活的常規。」這是教宗信函第8章第10段裡的一句話:「有些主教因不願屈從對教會生活的不當控制,且為了完全忠於天主教的道理和伯多祿的繼承人,被迫秘密地接受了祝聖。秘密狀態並非屬於教會生活的常規。歷史告訴我們,祇有當迫切渴望維護自身信仰的完整性、不接受國家機構干涉教會切身生活時,牧者和信友們才這樣做。」

韓神父在教廷和愛國會都吃得開,讓他可以在中國各地教會傳播他對教宗信件扭曲的解讀。「讓所有人都到地上來,不應該再有地下教會了!」

他最近的戰利品:是去年11月公開就職的蘭州教區主教。另一位主教魏景義是在等候名單上。

關於修和與合一之間的區別,我們幾經艱辛才爭取到在牧函的《綱要》中澄清了,但那已是兩年之後的事,那對教宗信件扭曲的解讀對教會已經造成無法彌補的混亂和破壞。

我不打算指出韓神父文章裡的所有荒謬之處。我只想提醒他,他強調「梵蒂岡知道得最清楚」是違反教宗方濟各對「邊緣」聲音的重視。也請記住:雖然你經常去中國大陸,但中國的現實每天都擺在我們香港人眼前。歡迎你來香港觀看,他們下個月如何慶祝中國首次自選自聖主教六十周年。

L’Anno della verità? (Verità con caratteristiche cinesi?)

Alla fine, il buon p. Jeroom Heyndrickx, il “Padrino” degli “esperti di Cina”, se ne è uscito con il suo “2018 l’anno della verità” [riferendosi all’ “imminente” (?) Accordo Cina-Vaticano].

Potrei ignorare il “Rompere la fiducia” del (ora) famoso Francesco Sisci. Potrei resistere alla tentazione di rispondere all’affermazione di p. Michael Kelly (un esperto di storia della Chiesa?): “Il cardinale Zen ha torto”. Ma come posso ignorare p. Heyndrickx o astenermi dal reagire al suo patetico sermone?

In realtà, penso che sarebbe stato conveniente rispondere sia a Sisci che a Kelly, almeno brevemente, perché così avrei risposto, allo stesso tempo, ad alcuni dei punti principali dell’articolo di p. Heyndrickx.

——————————————————————————————————

Conosco Sisci. Ci siamo incontrati un paio di volte, molti anni fa. Il suo punto di forza nella vita è l’aver conquistato il cuore di una ragazza che, si dà il caso, è la figlia di un generale cinese. Questo gli ha permesso di fare avanti e indietro nei corridoi del potere a Pechino. Ma questo non lo rende un vero esperto in questioni cinesi, tanto meno un esperto in affari della Chiesa.

Per quanto riguarda il punto centrale del suo articolo, scritto insieme ad un certo Strazzari, ho da dire questo: mi sono dichiarato colpevole di violazione della riservatezza, ma l’ho fatto per assolvere il Santo Padre dalla responsabilità per quelle cose malvagie (sbagliate?) perpetrate dai suoi collaboratori nel suo nome (hanno in programma di fare il loro sporco lavoro in silenzio e lasciarci inghiottire il fait accompli).

Sì, sono convinto che la Santa Sede non sia sempre il Santo Padre. Fino a quando non vedo un accordo malvagio firmato, mi rifiuto di credere che possa essere reale.

——————————————————————————————————

Questo mi porta alla mia prima risposta a p. Heyndrickx. Egli richiama tutti ad “unirsi dietro il Papa, se…”. Ripete tuttavia che c’è un “se”. Confessa che “non sappiamo se il Papa in futuro…”. Sta solo facendo una profezia, quindi posso ancora sfidarlo. Solo se verrà apposta quella sciagurata firma, si vocifera il 23 o il 27 marzo, accetterò la sconfitta, andrò in pensione in silenzio e lascerò il podio a p. Heyndrickx per cantare la sua vittoria.

——————————————————————————————————

Fr. Kelly è tornato ai tempi in cui i monarchi cristiani avevano il potere decisivo nel nominare i vescovi. Ma ciò è, per fortuna, STORIA.

Egli ha menzionato anche il compromesso del Vaticano con le potenze naziste, fasciste e comuniste del blocco orientale. Tuttavia, nessuno dovrebbe, oggi, sentirsi orgoglioso di ciò (solo la salda fede del popolo ha potuto impedire alla Chiesa di crollare del tutto!). [La scorsa estate ho trascorso tre settimane presso la Chiesa di Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca per un viaggio di studio].

Ora, l’attuale realtà STORICA che ci troviamo ad affrontare in Cina è questa: un “pusillus grex” (un piccolo gregge) perseguitato da una gigantesca potenza atea. Quello che sta accadendo in Cina dal 1949 ad oggi non ha precedenti nella STORIA.

È stato, fino a poco tempo fa, un “arrendersi o martirio” (senza che io spingessi per il martirio), e ora è “arrendersi (con l’incoraggiamento dal Vaticano) o tornare alle catacombe”.

Ma perché arrendersi? Il Vaticano non vede che molte chiese (edifici) sopravvivono nella comunità sotterranea, come ad esempio a Hebei e Fujian? Il Vaticano non sa che in città come Shanghai, molti sacerdoti celebrano la messa domenicale per i loro fedeli nelle case private? C’è ancora un certo grado di libertà per gli “uccelli fuori dalla gabbia”. Ma ora le cose cambieranno. Il Vaticano viene ad aiutare il governo a spingere tutti nella gabbia. Questa è una novità assoluta! Questo fa STORIA!

——————————————————————————————————

Questo mi porta alla mia seconda risposta a p. Heyndrickx. Egli sostiene che la firma dell’accordo sarebbe una benedizione perché permetterà ai fedeli cattolici in Cina “di celebrare apertamente la loro fede in una sola comunità”. “L’anno 2018 sarà l’anno della verità”, afferma.

Quale verità? Verità con caratteristiche cinesi? (Vorrei che Padre Heyndrickx leggesse la lettera pastorale del defunto vescovo Aloysius Jin sulla Verità. La verità non gode di buona salute o di alta stima al giorno d’oggi in Cina. Tutto è finto, dal cibo alla medicina. Non sei tenuto a dire la verità, dì solo quello che piace al capo).

“Celebrare apertamente la propria fede in una sola comunità”? Ma è meraviglioso! Dove però? In una chiesa iscritta all’Associazione patriottica, sotto sorveglianza delle telecamere, prestando ascolto ad un sacerdote che predica le ultime istruzioni dal Presidente-Imperatore in carica?! Quale altra possibilità? Di sicuro questo non è professare la fede in modo normale, come in ogni chiesa cattolica del mondo!

Heyndrickx ha imparato molto dai cinesi, che sono maestri nel giocare con le parole. Belle parole: “Per celebrare apertamente la loro fede in una sola comunità” e “ripristinare l’unità della Chiesa e la normalizzazione in Cina”. Che meraviglia! che cosa “insolita”! quali tragiche bugie! La Realtà è: le persone che per anni, nonostante ogni sorta di discriminazione e vessazioni, sono rimaste leali alla vera fede, sotto l’autorità del Papa, sono ora costrette dal Vaticano alla stessa “prigione”, guidati da funzionari del governo vestiti come i ministri di Dio. Devono gridare all’unisono: “Viva la Cina! Viva 中國天主教!” (zhongguo tianzhujiao) (Religione del Signore del Cielo)! [Potrai non notare la contraddizione, come quando, invece, dici “Chiesa cattolica cinese” – Una Chiesa cinese indipendente non è più una chiesa cattolica!].

—————————————————————————————————–

Heyndrickx attribuisce il merito di questo “miracolo” alla “coraggiosa iniziativa di papa Francesco [ovviamente papa Benedetto (il confrontazionista?) non è il “suo” papa]. P. Heyndrickx è troppo umile. È lui che merita il premio per questo “grande successo”. Ora sta raccogliendo ciò che ha seminato negli ultimi dieci anni, con la complicità della Santa Sede, non appena è stata pubblicata la lettera del papa del 2007.

Egli ha estrapolato, fuori contesto, le parole “clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa”. Il testo completo nella lettera è al decimo paragrafo del capitolo VIII: “Alcuni di essi [i vescovi in Cina], non volendo sottostare a un indebito controllo, esercitato sulla vita della Chiesa, e desiderosi di mantenere una piena fedeltà al Successore di Pietro e alla dottrina cattolica, si sono visti costretti a farsi consacrare clandestinamente. La clandestinità non rientra nella normalità della vita della Chiesa, e la storia mostra che Pastori e fedeli vi fanno ricorso soltanto nel sofferto desiderio di mantenere integra la propria fede e di non accettare ingerenze di organismi statali in ciò che tocca l’intimo della vita della Chiesa”.

Essendo amico sia della Santa Sede che dell’Associazione Patriottica, egli ha potuto diffondere la sua interpretazione distorta della lettera del Papa in tutta la Chiesa in Cina: “Lasciamo che tutti vengano allo scoperto, non ci dovrebbe più essere la Chiesa sotterranea!”.

La sua ultima conquista: il vescovo di Lanzhou si è pubblicamente insediato lo scorso novembre. Un altro, il vescovo Wei Jingyi, è in lista d’attesa.

Un chiarimento sulla distinzione tra Riconciliazione e Unificazione è riuscito a farsi strada nel “compendio”, ma solo dopo due anni, quando nella Chiesa sono già stati provocati irreparabili danni e confusione.

Non sottolineerò tutte le assurdità dell’articolo di p. Heyndrickx. Voglio solo ricordargli che la sua enfasi su “il Vaticano sa cos’è meglio” va contro l’enfasi di papa Francesco sulla periferia. Ricorda anche: andrai spesso in Cina, ma ogni giorno a Hong Kong la realtà cinese si manifesta davanti ai nostri occhi. Il prossimo mese sei il benvenuto ad Hong Kong, per vedere come verrà celebrato il 60mo anniversario della prima ordinazione episcopale illegale in Cina.

The Year of truth? (Truth with Chinese characteristics?)

Finally the good Fr. Jeroom Heyndrickx, the “God Father” of “China experts,” has come out with his “2018 the year of truth” [referring to the “imminent” (?) China-Vatican Agreement.]

I could ignore the “Breaking the trust” by (now) famous Francesco Sisci. I could resist the temptation of answering Fr. Michael Kelly’s (an expert in Church History?) “Cardinal Zen is just wrong.” But how can I ignore Fr. Heyndrickx or abstain from reacting to his pathetic sermon?

Actually, I think it would have been convenient to answer both Sisci and Kelly, at least briefly, because I would have answered, at the same time, some main points of Fr. Heyndrickx’s article.

——————————————————————————————————

I know Sisci. We met a couple of times many years ago. His strong point in life is that he conquered the heart of a girl, who happens to be the daughter of a Chinese General. This allowed him to come and go in the corridors of power in Beijing. But that does not make him a real expert in Chinese matters, even less an expert in Church affairs.

As to the central point of his article, co-authored with a certain Strazzari, I have this to say: I plead guilty of breach of confidentiality, but I did it to discharge the Holy Father from responsibility for those evil (wrong?) things perpetrated by his collaborators in his name (they plan to do their dirty job quietly and let us swallow the fait accompli).

Yes, I am convinced that the Holy See is not always the Holy Father. Until I see an evil deal signed, I refuse to believe that it can be real.

——————————————————————————————————

This brings me to my first answer to Fr. Heyndrickx. He is calling everybody to “unite behind the Pope, if …” He has repeated that there is an “if.” He confesses that “we do not know whether the Pope will…” He is only making a prophecy. So I can still challenge him. Only if that unfortunate signing happens, rumored to be on March 23 or 27, I will accept defeat, retire in silence and leave the rostrum to Fr. Heyndrickx to sing his victory.

——————————————————————————————————

Fr. Kelly went back to the times when Christian monarchs had the decisive power in making bishops. But that is, fortunately,…HISTORY.

He mentioned also the Vatican compromise with the Nazi, the Fascist and the Eastern Bloc Communist powers. But nobody should, today, feel proud of that (only the strong faith of the people could prevent the Church from a complete collapse!)

[Last summer I spent three weeks making a study tour to the Church of Hungary, Slovakia and Czech Republic.]

Now, the present HISTORICAL reality we face in China is: a “pusillus grex” (a tiny flock) being persecuted by a gigantic atheist power. What is happening in China from 1949 until today has no precedent in HISTORY.

It was, until recently, “either surrender or martyrdom” (without me pushing for martyrdom), and now it is “either surrender (with the encouragement from the Vatican) or back to the catacombs.”

But why surrender? Doesn’t the Vatican see that many churches (buildings) survive in the underground community e.g. in Hebei and Fujian? Doesn’t the Vatican know that in cities like Shanghai, many priests celebrate Sunday Mass in private homes for their faithful? There is still a certain degree of freedom for the “birds outside the cage.” But now things are going to change. The Vatican is coming to help the Government to push everybody into the cage. This is absolutely novel! This makes HISTORY!

——————————————————————————————————

This brings me to my second answer to Fr. Heyndrickx. He says that the signing of the Agreement would be a blessing because it will enable the Catholic faithful in China “to openly celebrate their faith in one community.” “The year 2018 will be the year of truth.”

What truth? Truth with Chinese characteristics? (I would like Fr. Heyndrickx to read the pastoral letter by the late Bishop Aloysius Jin on Truth. The truth doesn’t enjoy good health or high esteem nowadays in China. Everything is faked, from food to medicine. You are not expected to tell the truth, just say what the boss likes to hear.)

“To openly celebrate their faith in one community”? How wonderful! But where? In a church registered with the Patriotic Association, under the surveillance cameras, listening to a priest preaching the latest instruction from the reigning President-Emperor?! What other possibility? Surely this is not a really normal worship as in any Catholic church in the world!

Fr. Heyndrickx has learned a lot from the Chinese, who are masters in playing with words. Beautiful words: “To openly celebrate their faith in one community,” and “restoring church unity and normalization in China.” How wonderful, how “unusual,” how tragic lies! The Reality is: People who for years, bearing all sorts of discrimination and harassment, kept their loyalty to the true faith, under the authority of the Pope, are now forced by the Vatican into the same “prison” where, led by the Government officials, dressed like God’s ministers. They have to shout in unison: “long live China! Long live 中國天主教” (zhongguo tianzhujiao – the Religion of the Lord of Heaven) ! [you may not notice the contradiction, but you do when you say “Chinese Catholic Church” – because an independent Chinese Church will not be Catholic any more!]

——————————————————————————————————

Fr. Heyndrickx attributes the merit of this “miracle” to the “courageous initiative of Pope Francis [obviously Pope Benedict (the confrontationist?) is not “his” Pope]. Fr. Heyndrickx is too humble. He is the one who deserves the price for this “big success.” He is now harvesting what he has sown for the last ten years, with the complicity of the Holy See, as soon as the Pope’s 2007 letter was published.

He picked up, out of the context, the words “the clandestine condition is not a normal feature of the Church’s life.” The complete text in the letter is in Paragraph 10 of Chapter 8: “Some of them (bishops in China), not wishing to be subjected to undue control exercised over the life of the Church, and eager to maintain total fidelity to the Successor of Peter and to Catholic doctrine, have felt themselves constrained to opt for clandestine consecration. The clandestine condition is not a normal feature of the Church life, and history shows that Pastors and faithful have recourse to it only amid suffering, in the desire to maintain the integrity of their faith and to resist interference from state agencies in matters pertaining intimately to the Church’s life.”

Being a friend both of the Holy See and of the Patriotic Association he could spread his twisted interpretation of the Pope’s letter all over the Church in China. “Let everybody come into the open, there should not be underground church anymore!”

His latest conquest: the Bishop of Lanzhou has been publicly installed last November. Another one, Bishop Wei Jingyi, is on the waiting list.

A clarification on distinction between Reconciliation and Unification succeeded in fighting its way into the “compendium,” but only after 2 years when irreparable confusion and damage has already been caused in the Church.

I am not going to point out all the absurdities in the article of Fr. Heyndrickx. I only want to remind him that his emphasis on “the Vatican knows best” goes against Pope Francis’ emphasis on the periphery. Remember also: you go often to China, but every day in Hong Kong, the reality of China comes before our eyes. You are welcome to Hong Kong to watch how they are going to celebrate the 60th anniversary of the first illegal episcopal ordination in China next month.