抱歉!2020 愛心捐月餅活動取消

[抱歉今年捐月餅給囚友的活動需要取消,月餅會轉贈給慈善團體]

各位支持「2020愛心捐月餅」的有心人:

因為一些原因,很遺憾地告訴大家今年「愛心捐月餅」不能舉辦了,抱歉這使囚友失望也給懲教處添了麻煩。

已訂的月餅我會安排送給慈善團體,請有興趣的機構盡快聯絡本人秘書馮小姐(2522 8689)。而已經捐款的兄弟姊妹若希望退回善款,亦請聯絡馮小姐,若三星期內未有通知,我們會將有關善款撥作送贈其他慈善機構的月餅捐獻。

再一次感謝大家的愛心。

主佑
陳日君樞機
2020年8月31日

[Cancellation of mooncake donation to Inmates]

To all the supporters of ‘2020 Mooncake Donation’:

Regrettably, the mooncake donation this year has to be cancelled due to certain circumstances. I am sorry for disappointing the inmates and the inconvenience caused to HKCSD.

The ordered mooncakes will be donated to different charity organizations instead, for those interested parties, please contact my secretary Ms. Fung at 2522 8689. And for those donors who want to have their donations returned, please contact Ms. Fung as well within three weeks.

I would like to express my sincere thanks to you all again.

God Bless,
Cardinal Joseph Zen
31 August, 2020

 

「繼續留下」還是「接受委任」?

我不是想增加混亂,祇想消除混亂。聽來似乎大家爭論的是「立法會議員應否留下來繼續服務?」但我不明白這所謂「繼續」。今屆立法會屆滿,選民的委託就「完結」,任務該由下屆選出的議員負起,沒有任何今屆議員「繼續」的事。

特首取消下屆議員的選舉,中央決定了一個臨時立法會,其成員當然也由中央委任,所以問題不是「市民是否同意立法會議員『繼續留下來』,該是『市民是否同意今屆議員接受中央委任為臨時立法會的成員』?」

這樣,答案不是也更清楚了嗎難道我們忘了初衷我們的汗水、手足的鮮血都白白流了嗎

我們的投降不是會使國際的朋友很失望

所謂留下來有用嗎留到幾天呢每天都會有DQ,甚至以國安法被控,值得嗎(這裡共有七個問號)

其實留不留下的爭論似乎假設本定於9月舉行的選舉已壽終正寢,這決定不容置疑,不能推翻,真是這樣嗎

特首說這是疫情緊急狀態的要求,祇由她決定疫情真的要求延遲選舉且延遲至少一年嗎不必諮詢現屆議員(緊急會議)不必請教醫療專業不必聽聽真正的民意嗎法律專家給我說本來還有司法覆核,但一定失敗。但在程序中我們不是可有機會再喊一次:「撤回!撤回!」嗎(這裡又有七個問號)

May I, Prof. Roberto de Mattei?

Translated from the Italian article “Mi permette, Prof. Roberto de Mattei?” by Cardinal Zen on August 8

(by Lucia Cheung)

I think everyone knows that here in Hong Kong we are in full battle against the power that wants to dominate us completely, including speech and thought.

Blessed are those who can say what they think, without worrying whether the authorities agree.

The writer has been categorized as partially right and partially wrong. Professor de Mattei praises me for protesting against the Vatican’s Ostpolitik towards the Church in China but criticizes me for defending Vatican Council II.

I thank him for the praise and I respond to the criticisms (with his permission).

I have not done in-depth studies on Vatican II like Professor de Mattei, but from my simple faith, (not naive, not uncritical) I believe that the teachings of the Ecumenical Councils are supremely authoritative, and I don’t think that part of them will one day be put “in the litterbin” (I think that Cardinal Brandmüller is on my side in this).

I do not even think it right to qualify certain conciliar texts as “confusing and ambiguous.” Obviously some texts are the fruit of a hard work to reach an almost total consensus of the Conciliar assembly, in the process someone had to give up what they thought was already ripen or convenient to be pronounced, while the majority judged it premature or inconvenient to make a pronouncement; compromise conclusions if you want to call them such, but not ambiguous. Giving up something, which some believe can enrich the pronouncement, does not make the pronouncement ambiguous.


The pastoral methodological change does not necessarily affect the content of the discourse.

The Professor says, “according to the new pastoral spirit more important than the doctrine is the way in which the doctrine is presented.” This proposition can be misunderstood, as if the way of presentation is more important than the doctrine itself, as if the requirements of a good presentation may need to change the content of the doctrine.

In the opening address of the Council, Pope John says: “The main purpose of this Council is not the discussion of this or that theme of the fundamental doctrine of the Church … but starting from a  renewed, serene and peaceful adherence to all the teachings of the Church in their entirety and precision … it is now necessary that this certain and immutable doctrine, which must be faithfully respected, be deepened and presented in a way that responds to the needs of our time.” So it is not that the presentation is more important than the doctrine, it is that we are now concentrating on studying the presentation (while the doctrine is supposed to be secured already).

Having said that in general we come to some details.

(A) The Professor says: “the ‘Ostpolitik’ is the daughter of the Council.” No! The Council was the occasion to try the policy of Ostpolitik. It did not seem tolerable to completely ignore the existence of the Communist regimes, to do nothing to help those our Brothers. Unfortunately, the attempt started with almost no reliable information on the situation beyond the Iron Curtain in hand. The tragedy was the illusion, post factum, of having had a great success: of having set up the ecclesiastical hierarchy in those countries.

Card. Parolin says: “when we were looking for candidates for the episcopate we were looking for pastors, not gladiators, not those who systematically oppose the government, not those who want to show off in the political arena.”

The fact is that those Bishops, too often, were servants of the atheist regime instead of being shepherds of the Christian flock!

(B) The Professor says that the Address of the opening of the Council given by Pope John XXIII was the magna carta of détente politics: from anathema to dialogue … setting aside decades of condemnations … to the strategy of an outstretched hand … to collaboration with the enemy.

Yes, the Pope declared all this candidly. But, beware, détente does not mean surrender, putting aside the condemnations (refraining from anathemas) does not mean approving the errors (the Council “did not say a word about communism” says the Professor. But one must be blind in order not to see a long and clear discourse on atheism, even a systematic one, and on the attitude of the Church towards it, starting with “the Church cannot help but to repudiate, … with all firmness and with pain such pernicious doctrines and actions” (is it really necessary to explicitly say “Marxist communism”?) .

“Outstretched hand” and “collaboration” does not mean allowing oneself to be killed by the enemy (as the Vatican is doing now, unfortunately not without the Pope’s consent).

I too collaborated with the Communists. I taught for 7 years in many seminaries under their control. They could boast of having opened the door, but I had the true and complete opportunity to teach hundreds of seminarians the sound philosophical and theological doctrine, without discounts.

The Professor is worried that by supporting the Second Vatican Council I will lose supporters for my cause (the defense of the true Catholic faith in China). I hope not. I disagree with Archbishop Viganò as he does not accept the Vatican II, but I support his demands that the Vatican respond to his accusations on facts.

After all, if someone stops supporting me because of what I said above, I’m sorry, I can’t help it: I’m a conservative, but not to the extreme.

羅伯特 • 德瑪竇教授,容我說幾句嗎?

譯自88日陳樞機的意文文章 “Mi permette, Prof. Roberto de Mattei?”

(Lucia Cheung)

我想大家都知道,在香港,我們正在與一股力量進行全面鬥爭,這股力量想要全面地控制我們,包括我們的言論和思想。

那些可以說出自己的想法而不必擔心當局是否同意的人是有福的。

對於我說過的一些想法,有人說他部份同意,部份反對。德瑪竇教授讚揚我抗議梵蒂岡對中國教會的「東方政策」,但批評我強烈捍衛梵蒂岡第二屆大公會議。

我感謝你的稱讚,並回應有關批評(想你不會反對)。

我沒有像德瑪竇教授那樣對梵二會議有深入的研究,但是從我的簡單信念(不是天真,也不是盲目),我相信大公會議的教導是絕對權威的,我不認為其中一部分最後有天會被「扔到垃圾桶」(我認為布蘭德米勒樞機的見解與我一樣)。

我也不同意,稱某些梵二文本為「亂七八糟和模棱兩可」。顯然,有些文本是會議神長努力達成一個幾乎完全共識的艱難成果,在此過程中,有些人不得不放棄他們認為已經成熟或適合發表的內容,因為多數人認為那些內容還未成熟或不適合宣告,你可以說是折衷的結論,但它們並不含糊。把某些人認為可以豐富有關宣告的內容放棄,該宣告並不因此變得模棱兩可。


牧靈方法的變化並不一定使論述的內容變質。

教授說:「根據新的牧靈精神,陳述教義的方式比教義更重要。」一旦認為陳述的方式比教義的內容更重要,或者認為為了陳述的需要可以改變教義的內容,那是一個大誤解了。

教宗若望二十三世在大公會議開幕致詞中說:「大公會議的主要目的不是討論這個或那個教會基本教義的主題,而是再次毫無疑問地肯定了教會的整體和準確的所有教導,致力對這確定和不變且必須忠實地尊重的教義,有深化的了解並適當的陳述以回應我們時代的需要。」因此,陳述不是比教義更重要,而是我們現在正在集中精力研究陳述(教義應該已經很牢固)。

談了這些大道理,我們還是有一些細節要注意。

(A) 教授說:「『東方政策』是大公會議的產品。」不!大公會議是嘗試實行東方政策的時機。那時人們似乎不能容忍完全無視共產主義政權的存在,放棄為幫助我們的兄弟去做任何事情。不幸的是,對鐵幕內的情況幾乎沒有任何可靠消息之下便開始這一嘗試。怎能有好效果?悲劇是他們後來竟以為取得了巨大的成功:在那些國家建立了教會聖統制。

帕羅林樞機說:「當我們尋找主教人選時,我們是在尋找牧者,不是像羅馬鬥獸場的角鬥士,不是那些逢政府必反對的人,不是那些喜歡在政治舞台上出風頭的人。」

事實是,那些教廷任命的主教常常是無神論政權的僕人,而不是基督徒羊群的牧羊人!

(B) 教授說:教宗若望二十三世在大公會議的開幕詞,是緩和政治張力的大憲章:從絕罰到對話……擱置數十年來的譴責……到伸出橄欖枝的策略……到與敵人合作。

是的,教宗坦率地說了這一切。不過(小心!),緩和並不等於投降;避免使用「絕罰」字眼並不意味著認同謬論。教授說:大公會議一點也「沒有提及共產主義」。若非瞎了眼不能看不到關於無神論在大公會議文件裡有漫長而清晰的論述,甚至論述了有系統的、有組織的無神主義者。也講了教會對它的態度,一起首就說「教會不得不……堅定而痛苦地排斥這種有害的理論和行動」(難道真的有必要明確地說出「馬克思共產主義」?)。

「伸出橄欖枝」和「合作」並不意味著讓自己被敵人殺害(正如梵蒂岡現在所做的那樣,可惜當然也經教宗同意)。

我也與共產黨合作過。我有7年時間在中國大陸多間受政府控制的神學院任教。他們固然可以自誇打開了門戶,但是我有真正而實在的機會,毫無保留地向數百名神學生傳授完整的哲學和神學教義。

教授擔心我會因為支持梵二,而失去一批擁護我堅持捍衛中國真正的天主教信仰的支持者。我希望不會。我不同意維加諾總主教,因為他不接受梵二,但我支持他要求梵蒂岡對他指控的事實作出回應。

最後,如果有人因我上述的說話而不再支持我,對不起,我也沒辦法:我是一個保守主義者,但不是極端那種。

In dialogo con P. Giampietro sul Vaticano II (tradotto dal mio blog del 26 Luglio da Sabino Paciolla)

Padre Giampietro ha iniziato una serie di articoli scritti e video per commemorare i 50 anni del Vaticano II, presentando un recente libro di un teologo australiano, Ormond Rush, “The Vision of Vatican II”.

Il Vaticano II si è svolto 50 anni fa, ma sicuramente non appartiene al passato, la sua luce guida ancora oggi la Chiesa attraverso l’oscurità del suo cammino.

Io e Padre Giampietro siamo quasi coevi. Quando ha lasciato l’Italia per venire ad Hong Kong come sacerdote missionario appena ordinato, io mi sono trasferito in Italia per proseguire gli studi di teologia in vista dell’ordinazione sacerdotale. In quel periodo Giovanni XXIII annunciò l’intenzione di convocare un Concilio Ecumenico e noi giovani sacerdoti e seminaristi accogliemmo l’annuncio con giubilo.

L’ultimo Concilio Ecumenico (Vaticano I) era già concluso da 90 anni e con l’infallibilità papale proclamata in quel Concilio, pochi si aspettavano un altro Concilio Ecumenico.

Ma nei 90 anni di storia sono avvenuti rapidi e profondi cambiamenti nella società in molti campi. Una valutazione approfondita della nuova situazione in cui la Chiesa si è venuta a trovare fu fortemente sentita come necessaria.

Dal primo articolo di Padre Giampietro posso capire quali aspettative del concilio si nutrivano nella sua mente. Diceva: “dai 19 ai 24 anni ho realizzato grandi cambiamenti nel mio modo di pensare”: allontanarmi dalla “cultura tridentina” attraverso diverse letture, alcune delle quali appartenevano alla “letteratura proibita”.

Quanto a me, sono cresciuto a Shanghai fino a 16 anni. L’esperienza dell’invasione straniera e della povertà ha fatto parte della mia infanzia, ma d’altra parte ho ricevuto una ricca formazione di fede cattolica dai gesuiti francesi prima, e poi dai salesiani di don Bosco, quella fede e la gioia che l’accompagnava hanno sempre regnato nel mio cuore nonostante tutte le difficoltà della vita.

Nel 1948 mi trasferii a Hong Kong giusto in tempo per evitare la dittatura atea. La vita a Hong Kong era più comoda che a Shanghai, ma il fervore religioso e la gioia spirituale continuavano a crescere negli anni del noviziato, degli studi filosofici e della formazione al lavoro salesiano.

Quando nel 1955 sono stato mandato dal mio superiore religioso a studiare in Italia (Torino) avevo 23 anni, più o meno 3 anni prima che Padre Giampietro lasciasse l’Italia per Hong Kong. Ciò significa che mi sono trovato in una situazione simile a quella descritta da Padre Giampietro in quella breve citazione. Anch’io ho “realizzato grandi cambiamenti nel mio modo di pensare”. Nella Pontificia Università, con studenti provenienti da tutti i continenti, mi sono trovato nel vero grande mondo, in una Chiesa per me nuova, che era in uno stato di risveglio e di confusione. “Era fortemente sentita la necessità di una valutazione approfondita della situazione”.

A me, un giovane dalla mentalità semplice, la situazione “italiana” di quei giorni appariva molto “nervosa”, “sulla difensiva”.

P. Giampietro ha parlato della “letteratura proibita”. Anche nella Chiesa italiana si vedevano tracce di un governo in stile “fascista”. Pochi teologi italiani hanno osato scrivere, la maggior parte dei libri teologici in italiano sono stati tradotti da altre lingue europee.

(Un giorno 4 cardinali italiani, notoriamente conservatori, hanno fatto pressione sui superiori salesiani per licenziare il nostro professore di etica sociale, considerato troppo “progressista”. Ma per fortuna, quello fu un episodio isolato).

La comunità dei docenti della nostra Università era di vedute abbastanza larghe da lasciar crescere “il grano e la zizzania insieme”: come studenti di un’università ci era permesso di essere informati su tutte le molte “correnti” di idee nella Chiesa, ma i nostri professori sono stati anche abbastanza saggi da aiutarci a distinguere la differenza tra le due.

Temo che sia stato questo “fascismo nella Chiesa italiana” a provocare quella forte reazione, un’aspettativa di un Concilio “liberatorio”, per liberare la Chiesa dalla cosiddetta “Cultura Tridentina”.

Non ho letto il libro di Padre Ormond Rush, innumerevoli libri di questo tipo sono apparsi dopo il Concilio, presentano una visione “globale” del Concilio, i “principi fondamentali” dietro i molti documenti. Possono essere utili per aiutare ad avere una comprensione generale del Concilio, ma c’è un pericolo: una particolare presentazione “globale” del Concilio può non essere fedele ai documenti del Concilio, ma piuttosto una sua comprensione soggettiva.

Ripeto: non ho letto il libro di P. Rush, ma mi permetto di dire che la presentazione “completa” della visione conciliare di P. Giampietro sembra essere sfuocata. Nell’articolo sembra affermare che il Vaticano II ha il merito di annullare il “Tridentino” come la pulizia dell'”Ultimo giudizio” di Michelangelo. Questa sarebbe una visione estremamente negativa e terribilmente ristretta, e soprattutto: fuori fuoco.

Partiamo dai fondamentali.

A cosa servono i Concili Ecumenici?

Non sono per la creazione di una nuova Chiesa, ma per una nuova comprensione di sé. La Chiesa è stata fondata da Gesù Cristo sugli Apostoli. La conclusione del Primo Concilio Ecumenico di Gerusalemme ha dichiarato: “È stato deciso dallo Spirito Santo e da noi stessi (apostoli)…”.

Guidati dallo Spirito Santo i Concili Ecumenici sono le pietre miliari del cammino della Chiesa attraverso i secoli, accumulano un ricco patrimonio e mostrano sempre più luminoso il vero volto di Cristo, il Redentore dell’umanità.

I vescovi, protagonisti del Vaticano II, hanno lavorato duramente dal 1959 al 1965.

Sono stato a Roma dal 1961 al 1964, lavorando intensamente alla mia tesi di dottorato in Filosofia. Nel tempo libero, come altri giovani sacerdoti e seminaristi a Roma, mi divertivo ad ascoltare tutte le notizie e i pettegolezzi quotidiani sul Concilio; le battaglie feroci sullo stereotipo dello spartiacque tra conservatori e progressisti; i Padri conciliari che si accusavano a vicenda con volantini che volavano su piazza San Pietro… Le barzellette! (Certo la cosa più memorabile fu quella commovente “buona notte”, pronunciata l’11 ottobre da Papa Giovanni XXIII, dal suo studio, ai fedeli in piazza San Pietro sotto la luna splendente, che salutò dicendo: “fate una carezza ai vostri figli, a nome mio”).

C’è un detto, non lontano dalla verità: un Concilio Ecumenico parte dagli sforzi umani, poi viene il diavolo a creare problemi, ma alla fine lo Spirito Santo porta tutto ad un lieto fine.

Il seme del Vaticano II è stato seminato nella mente e nel cuore di molti fedeli molto prima del 1959, poi il Papa ha convocato il Concilio e ha istituito la Commissione Preparatoria, che ha raccolto materiale da tutte le Chiese e ha redatto i documenti di lavoro; poi i feroci dibattiti in sala. Nel processo a volte la carità e le buone maniere lasciavano a desiderare (veniva il diavolo!); poi le molte riscritture dei documenti (a volte si spendevano giorni per una sola frase o parola. Quanto sono ingrati coloro che disprezzano i “minuscoli dettagli” a favore dello “spirito comprensivo” del Concilio), solo grazie a un lavoro così duro è stato possibile raggiungere quella quasi unanimità nell’approvazione dei documenti finali.

Il frutto del Vaticano II sono quei 16 Documenti, in particolare le 4 Costituzioni. Attraverso quei documenti si sente la vera voce dello Spirito Santo.

Seminari, presentazioni complete, analisi comparative, ecc. sono mezzi utili per comprendere il Concilio, ma non ignorando i Documenti stessi o manipolando i Documenti.

Purtroppo, la polarizzazione tra conservatori e progressisti non è scomparsa dopo il Concilio. P. Giampietro parla di coloro che hanno avuto difficoltà a capire, o addirittura si sono rifiutati di accettare le “novità” nelle decisioni conciliari: sono i conservatori estremi; ma ci sono anche i progressisti estremi che sostengono che ora tutto può cambiare nella Chiesa.

La Chiesa è un corpo vivo che certamente cresce e cambia, ma, come dice il Cardinal John Henry Newman, lo sviluppo è “omogeneo”, cioè non altera l’identità sostanziale. Un ragazzo cresce fino alla maturità ed è sempre la stessa persona.

I conservatori estremisti dicono: la Chiesa dopo il Vaticano II non è più la Chiesa cattolica in cui ho ricevuto il battesimo. Ma tu sei stato battezzato in una Chiesa che crede in un’unica Chiesa apostolica, guidata dal Papa e dai Vescovi come autentici maestri di fede.

Gli estremisti progressisti dicono: prima del Concilio non era consentito cambiare nulla, ora con il Vaticano II sono stati fatti molti cambiamenti, quindi, molte cose dovrebbero poter cambiare anche in futuro. Sì, ma solo per decisione della legittima autorità, non per scelta arbitraria di qualcuno, e sicuramente non annullando il passato. Lo Spirito Santo di oggi non contraddice lo Spirito Santo di ieri.

Permettetemi di spendere qualche parola su questo “Complesso anti-tridentino”.

È vero che la maggior parte dei Concili Ecumenici della storia sono stati convocati per affrontare una crisi (per esempio un’eresia), il Tridentino (1545-1563) è stato uno di questi. Ma combattendo l’eresia la Chiesa ha approfondito la conoscenza di se stessa.

Gli eretici dicono “sola scriptura”, “solo la Bibbia è sufficiente”. La Chiesa ha risposto: La Bibbia è preziosa ma è un libro, Gesù ha affidato la Sua Chiesa agli esseri umani viventi con la promessa della Sua Presenza e la guida dello Spirito Santo.

Gli eretici dicono “sola fides!”, “basta credere e si è salvati” La Chiesa risponde: la salvezza non è semplicemente una copertura di peccati che ci lascia interiormente ancora una “massa dannata”, la grazia ci trasforma radicalmente e ci viene data la capacità e il dovere di vivere una vita veramente “santa”.

(Oggi non li chiamiamo eretici, li chiamiamo fratelli, e giustamente. Ma di fronte al pericolo mortale si può essere scusati se si dimenticano le sottigliezze).

Nel Concilio sono stati forniti chiarimenti sulla natura dei Sacramenti, specialmente della Santa Eucaristia e del Sacerdozio.

Per un tale contributo di  arricchimento dell’insegnamento della Chiesa al deposito della fede, come possiamo non essere grati al Signore?

Nella ricerca delle cause delle proteste da parte dei Protestanti, il Concilio Tridentino ha riconosciuto gravi carenze nella formazione e nella cura del clero. Sono stati concordati sapienti ed efficaci rimedi e quindi un formidabile risveglio della fede, della pietà e dello zelo missionario: questa è la riforma cattolica o “Controriforma” in opposizione alla riforma protestante. Credo che sia io stesso che P. Giampietro siamo i beneficiari di questa riforma.

Chi protesta sostiene che “il latino è inventato dal diavolo”! Andiamo! La Chiesa ha salvato la cultura greco-romana (letteratura filosofica, arte, musica) e l’ha usata per educare gli invasori “barbari”, dopo la caduta dell’Impero Romano, ponendo le basi della moderna civiltà europea.

Alcuni potrebbero non sapere che i filosofi e gli scienziati moderni erano ancora soliti scrivere in latino (Francis Bacon 1561-1626, Galileo Galilei 1564-1642, René Descartes 1596-1650, Gottfried Wilhelm Leibniz 1646-1716, Immanuel Kant 1724-1804).

La teologia tridentina, soprattutto in latino, ha salvato la fede della Chiesa dei laici, e la liturgia tridentina in latino con il canto gregoriano (compreso il “dies irae”) ha alimentato la pietà di generazioni e sostenuto il coraggio di innumerevoli martiri.

Suona blasfemo dire che il Vaticano II ha dovuto ripulire la Chiesa dalla “sporcizia” tridentina.

Allora, non stiamo parlando di visione? La visione è guardare avanti, non indietro. La visione del Vaticano II è nel discorso di apertura di Papa Giovanni XXIII dell’11 ottobre 1962: “dalla rinnovata, serena e tranquilla adesione a tutti gli insegnamenti della Chiesa, nella sua integrità e precisione, come risplende soprattutto negli atti conciliari di Trento e del Vaticano I, lo spirito cristiano e cattolico del mondo intero attende di fare un passo avanti verso una penetrazione dottrinale e una formazione delle coscienze che sia in più perfetta corrispondenza con la fedeltà alla dottrina autentica, studiandola ed esponendola attraverso le forme di ricerca e le formule letterarie del pensiero moderno”.

Questo è il significato di “aggiornamento”, non significa negare il nostro passato o seguire tutte le mode secolari!

Conclusione:

Ammiriamo il piano divino, l’unica storia di salvezza. Le libertà umane possono fallire, ma Dio guida la Chiesa in modo sicuro verso la meta. È un viaggio nella continuità non attraverso le rotture.

  • La storia di Israele è stata un continuo alternarsi di fedeltà e infedeltà. Ma la vera fede di Abramo, attraverso Maria, Gesù e gli Apostoli, ci è stata trasmessa.
  • Anche l’Antico Testamento ci appartiene, e la Chiesa del Nuovo Testamento è aperta a tutti.
  • I salmi sono preghiere che si adattano ad ogni situazione della nostra vita. La voce dei profeti suona ancora attuale per la Chiesa nella società moderna.
  • Dobbiamo essere grati alla cultura greca proprio per la parola “Homoousios” che ha aiutato la Chiesa ad esprimere con esattezza la natura divina di Gesù, vero Dio e vero uomo.
  • La lingua latina è stata fondamentale per mantenere unite a Roma le tante Chiese europee e missionarie. Il ricco patrimonio di secoli di musica liturgica e cerimoniali ha alimentato la pietà dei credenti. Perché dovremmo sorprenderci, se i giovani di oggi, pur accettando sinceramente la riforma liturgica della Chiesa, apprezzano ancora la Messa Tridentina?
  • La Chiesa prosegue il suo cammino “tra la tribolazione del mondo e la consolazione di Dio” (Sant’Agostino “città di Dio”) “per giungere all’unità nella nostra fede ed alla conoscenza del Figlio di Dio, fino a diventare l’uomo perfetto, pienamente maturo con la pienezza di Cristo stesso” (Ef 4,13).
  • Il Vaticano II è ben consapevole che gli errori persistono nel mondo, ma il Concilio non intende condannarli, vuole aiutare l’uomo a rendersi conto di come questi errori, soprattutto un ostinato rifiuto di Dio, non siano favorevoli alla vera felicità umana.

La Costituzione Pastorale sulla Chiesa nel mondo moderno, l’espressione più tipica della visione conciliare, elenca tutte le minacce e le ansie dell’uomo moderno, ma è pienamente fiduciosa che la Chiesa sia in grado di venire in aiuto all’uomo, se solo riuscisse a rivelargli il vero volto di Gesù.

Mi permette, Prof. Roberto de Mattei?

Penso che tutti sanno che qui a Hong Kong siamo in piena battaglia contro il potere che ci vuol dominare completamente, compresa la parola ed il pensiero.

Beati coloro che possono dire ciò che pensano, senza preoccuparsi se le autorità siano d’accordo.

Lo scrivente è stato qualificato da qualcuno come parzialmente nel giusto e parzialmente errato. Il Professore de Mattei mi loda perchè protesto contro l’Ostpolitik del Vaticano nei riguardi della Chiesa in Cina, ma mi critica perchè diffendo, a spada tratta, il Concilio Vaticano II.

Ringrazio per le lodi e rispondo alle critiche (con suo permesso).


Non ho fatto studi profondi sul Vaticano II come il Professore de Mattei, ma dalla mia fede semplice, (non ingenua, non acritica) ritengo che gli insegnamenti dei Concili Ecumenici sono supremanente autorevoli, e non posso pensare che parte di essi possa finire un giorno “in cestino” (Penso che in ciò Card. Brandmüller stia dalla mia parte).

Non ritengo neppure giusto qualificare certi testi conciliari come “faraginosi ed ambigui”. Ovviamente certi testi sono frutti di un lavoro faticoso per raggiungere un consenso quasi totale dell’assemblea Conciliare, nel processo qualcuno ha dovuto rinunciare a ciò che pensava fosse già maturo o conveniente per essere pronunciato, mentre la maggioranza giudicava prematuro od inconveniente fare un pronunciamento, conclusioni di compromesso se le si vuole chiamare così, ma non ambigue. Il rinunciare a qualcosa, che qualcuno crede possa arricchire il pronunciamento, non per questo rende il pronunciamento ambiguo.

Il cambio metodologico pastorale non intacca necessariamente il contenuto del discorso.

Il Professore dice “secondo il nuovo spirito pastorale più importante della dottrina è il modo in cui la dottrina viene presentata”. Tale proposizione può essere malintesa, quasichè il modo di presentazione sia più importante della dottrina stessa, quasichè l’esigenza della presentazione possa comportare mutamento della dottrina.

Nel discorso di apertura del Concilio Papa Giovanni dice: “Lo scopo principale di questo Concilio non è la discussione di questo o quel tema della dottrina fondamentale della Chiesa…Ma dalla rinnovata, serena e tranquilla adesione a tutto l’insegnamento della Chiesa nella sua interezza e precisione…è necessario che questa dottrina certa ed immutabile, che deve essere fedelmente rispettata, sia approfondita e presentata in modo che risponda alle esigenze del nostro Tempo.” Dunque, non è che la presentazione sia più importante della dottrina, è che ora ci concentriamo a studiare la presentazione (mentre la dottrina si suppone già messa al sicuro).


Detto questo in generale veniamo a qualche dettaglio.

(A) Il Professora dice: l “Ostpolitik”. È figlia del Concilio.” No! Il Concilio è stato l’occasione per tentare la politica dell’ Ostpolitik. Non sembrava tollerabile un completo ignorare l’esistenza dei regimi comunisti, fare niente per venire in aiuto ai nostri Fratelli. Sfortu- natamente, si comincia il tentativo avendo in mano quasi nessuna informazione sicura sulla situazione oltre la cortina. La tragedia è stata l’illusione, posteriore, di aver avuto un grande successo: di aver messo in piedi la gerarchia ecclesiastica in quei paesi.

Card. Parolin dice: quando cercavamo candidati per l’episcopato cercavamo dei pastori, non dei gladiatori, non quelli che si oppongono sistematicamente al governo, non quelli che si fanno avanti nell’arena politica”.

Il fatto è che quei Vescovi, troppo sovente, erano servitori del regime ateo invece di essere pastori del gregge cristiano!

(B) Il Professore dice che il Discorso dell’apertura del Concilio tenuto da Giov. XXIII è stato la magna carta della politica di détente : dall’anatema al dialogo…accantonare decenni di condanne…alla strategia della mano tesa…alla collaborazione con il nemico.

Sì, il Papa l’ha dichiarato candidamente. Ma, attenzione, détente non vuol dire arrendersi; accantonare le condanne (astenersi da anatemi) non vuol dire approvare gli errori (il Concilio “non disse una parola sul comunismo” dice il Professore. Ma bisogna essere ciechi per non vedere un lungo e chiaro discorso sull’ateismo, anche quello in forma sistematica, e l’atteggiamento della Chiesa di fronte ad esso, cominciando con “la Chiesa non può fare a meno di riprovare, …con tutta fermezza e con dolore tali perniciose dottrine e azioni” (è proprio neccessario dire esplicitamente “comunismo marxista”?).

Mano tesa” e “collaborazione” non vuol dire lasciarsi ammazzare dal nemico (come ora sta faccendo il Vaticano, purtroppo non senza il consenso del Papa).

Anch’io ho collaborato con i comunisti, ho insegnato per 7 anni in molti seminari sotto il loro controllo. Essi hanno potuto vantarsi di aver aperto la porta, ma io ho avuto l’apportunità, vera e completa, di insegnare a centinaia di seminaristi la sana dottrina filosofica e teologica, senza sconti.


Il Professore si preoccupa che sostenendo il Concilio Vat.II perderò dei sostenitori per la mia causa (la defesa della vera fede cattolica in Cina). Spero di no. Non sono d’accordo con Arcivescovo Viganò in quanto non accetta il Vat. II, ma lo sostengo in quanto esige che il Vaticano risponda alle sue accuse su fatti.

Del resto, se qualcuno smette di sostenermi per quel che ho detto qui sopra, mi dispiace, ma non posso farci niente: sono un conservativo, ma non ad oltranza.

致《公教報》編輯的公開信

請不要讓《公教報》陷教宗於不義

《公教報》編輯閣下:

教宗方濟各七月五日三鐘經講話中偏離了事前發出的講稿,略去了關於香港的部份。對這不尋常的做法梵蒂岡保持沉默。

外界對此有三種看法:(一)教宗發出講稿後以為還是不講更好。(二)教宗受到中國駐意大使反對,決定不講。(三)教宗故意發出講稿,但並不準備讀出那段講詞(為討好兩方?)。

(一)的問題不大。(二)的看法會使不少人不滿,但他們也會體諒教宗。(三)的看法是控告教宗不仁不義,用欺騙手段應對雙方(其實這樣做法也不會成功,卻使雙方都會強烈不滿,有人會以為教宗這麼愚蠢嗎?)。

看貴報第3989期社論《為甚麼教宗沉默不語?》,第五節竟贊同這第三看法,不可思議!這豈不是陷教宗於不義?!《公教報》自作聰明想為梵蒂岡解圍?事實上不是越幫越忙嗎?

閣下最好在社論下也加註:「社論由編輯負責,與教區當局無關。」否則這樣的社論不也會「陷教區當局於不智」?

除了解說七月五日的事,社論第二、三、四節也為我們指出教宗這七年來處理中國教會的大原則,要我們去看看《福音的喜樂》222-237節。

在《福音的喜樂》第四章「福傳的社會幅度」的第三條「公益和社會和平」(217-237節)教宗指出四個原則,並說是「來自」教會社會訓導的大原則(《教會社會訓導彙編》161)。

本人認真研究過該彙編中列出的社會訓導大原則,尤其是「大眾福祉」(即公益)(彙編164-170),也以為相當了解;但對教宗所提出的「時間闊於空間;合一勝過衝突;現實比觀念更重要;整體大於部份」的解釋卻覺得很是深奧,且有不少質疑,如果編輯閣下能為我們在一個公開研討會上啟導指教,那真感激不盡。


至於第六節提及的「教宗任命主教的優次」(牧民經驗、神學素養、傳教熱忱),以前教宗們不也是照這些標準(或祇需加上:個人道德修養)?

既然閣下對主教任命的道理特別精通,順便問下:閣下以為為什麼到現在過了一年半教宗還不能找到一個符合這優次的牧者給我們教區呢?

社論最後一節提出一些信友對教宗(教廷)的批評;本人自首,對這些批評相當認同。但閣下的回應卻是:「基督的身體屹立不倒,中國教會也不會被滅絕」,好像並沒有回答那些批評。難道因為教會不會被滅絕,教廷就可以繼續一個已證明徒勞無益且弊多於利的「綏靖政策」?

一位年長教友

陳日君